martedì 26 novembre 2013

Genova: Robert Doisneau “Paris en liberté”



Fino al 26 gennaio 2014, al Palazzo Ducale di Genova, sarà possibile visitare la mostra del celebre fotografo Robert Doisneau “Paris en liberté”.

La mostra espone oltre duecento immagini scattate da Doisneau tra il 1934 ed il 1991, suddivise per tema in una sorta di passeggiata tra le vie ed i personaggi della sua Parigi. I suoi soggetti preferiti sono proprio le persone che popolano le strade della città, donne, uomini, bambini, animali ed automobili, catturati mentre vivono più o meno freneticamente la propria quotidianità. Le foto scattate negli atelier di moda sono poche, proprio ad indicare quanto poco Doisneau amasse quel mondo.

Ho visitato la mostra un paio di settimane fa e non posso fare altro che consigliarla a tutti gli amanti di fotografia (ovviamente) oltre che a tutti coloro che amano Parigi e sognano di immergersi in quella realtà facendo un tuffo indietro nel tempo attraverso le bellissime fotografie di Doisneau. Le mie impressioni sono assolutamente positive. Si articola su una superficie ampia che non costringe ad essere costantemente gomito a gomito con gli altri visitatori. Nel prezzo del biglietto è compresa una audioguida ben realizzata che però, in alcune fasi, si perde un po’ nella descrizione di fatti o persone che poco hanno da aggiungere alla vita del fotografo… talvolta è meglio saltare avanti. Efficace la selezione delle fotografie che mostrano i diversi aspetti e periodi del persorso fotografico di Doisneau.

La mostra è a mio avviso un’ottima occasione per una visita alla bellissima città di Genova. Chi arriva in treno potrà scegliere tra la stazione di Genova Piazza Principe o quella di Genova Brignole. In funzione della stazione, la strada per arrivare a Palazzo Ducale (sede della mostra) offrirà un percorso attraverso le vie storiche di Genova ed i suoi antichi e bellissimi palazzi (Via Garibaldi), oppure attraverso la via principale dello shopping cittadino (Via XX Settembre). Di seguito le mappe con i percorsi tracciati su Google Maps (potete sfruttarli per la visualizzazione diretta sul vostro smartphone se disponete dell'applicazione Maps di Google). Dimenticavo... Appena partiti da Brignole per Via xx Settembre si passa per Via S. Vincenzo dove, proprio poche decine di metri dopo averla imboccata, si trovano alcune panetterie focaccerie dove è possibile gustarsi l'inimitabile focaccia.

Persorso dalla stazione Genova Piazza Principe: -> mappa
Persorso dalla stazione Genova Brignole: -> mappa

Per chi arriva in auto in autostrada, l'uscita da prendere sarà quella di Genova Ovest, quindi si dovrà percorrere tutta la sopraelevata (che permette di gustarsi una impareggiabile vista della città) uscendo alla Foce (la zona della fiera dove si tiene il Salone Nautico) e quindi dirigersi nell'ampio parcheggio di Piazza della Vittoria. Dal parcheggio si potrà raggiungere Palazzo Ducale con una passeggiata di pochi minuti attraversando la bellissima Via xx Settembre, con i suoi portici ed i suoi negozi. 

Percorso in auto da Genova Ovest al parcheggio di Piazza della Vittoria: -> mappa
Percorso dal parcheggio di Piazza della Vittoria a Palazzo Ducale: -> mappa

Auguro a tutti una piacevole visita alla mostra ed un altrettanto interessante e gradevole giro tra le vie della città.

A presto,
Flavio











19 commenti:

  1. Ciao!
    Grazie per la segnalazione sul mio blog, in effetti da un po’ io e il fidanzato puntiamo questa mostra. ;)
    Mi appresto appunto a partire per Parigi per un paio di giorni, quindi al mio ritorno una delle prossime domeniche sarà senz'altro dedicata alla visita di questa mostra, per continuare a respirarla ancora un po’. Pensavo di sfruttare il periodo delle feste natalizie anche per vedere Genova in quest’atmosfera particolare.

    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene bene, alcune vie del centro nel periodo Natalizio hanno un atmosfera davvero magica. Io stesso ho scoperto alcuni di questi meravigliosi angolini solo in tempi recenti e non vedo l'ora che arrivi dicembre per calarmi nuovamente in quel clima. Dedicherò un altro post alla città, senza dimenticare qualche consiglio per mangiare ottime specialità liguri. Per il momento auguro a te ed al tuo fidanzato una buona gita parigina... ti terrò aggiornata su Genova!

      A presto :)
      Flavio

      Elimina
  2. Oh sì quanto mi piacerebbe vederla!! Adoro Doisneau! *_*
    Ci faccio un pensierino...
    Buona serata ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si... e poi, già che sei una cuoca appassionata, sarebbe l'occasione per provare qualche ristorantino tipico :)

      Elimina
  3. come sono contenta che sia a genova, così la vedi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi fammi sapere cosa ne pensi!

      Ciao e grazie,
      Flavio

      Elimina
  4. ciao Flavio, Doisneau non mi fa impazzire, lo confesso. O meglio, non mi piacciono tutte quelle foto che diventano delle icone e che vengono stampate su magliette e tazze e vendute ai turisti (come quella del bacio in cima). Diciamo che è un po' come identificare Leonardo da Vinci con la Gioconda o Van Gogh con I Girasoli. Questo modo di vedere in modo generico un' artista, me lo fa un po' scadere. Tuttavia Doisneau ha anche i suoi lati positivi ma se devo dare una preferenza ai fotografi, allora cito Mario Giacomelli (la serie "IO NON HO MANI CHE MI ACCAREZZINO IL VOLTO" è meravigliosa) oppure Diane Arbus. Oppure Gabriele Basilico Ecco, questi sono a me mooolto più graditi. In ogni caso molte grazie per la segnalazione :-) ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roberta,

      hai toccato un tasto delicato e difficile da liquidare in poche parole. Hai descritto esattamente quella che è la sensazione di molte persone all'uscita da una mostra come quella di Doisneau o, più in generale, difronte a fotografie street. L'impressione comune, che talvolta condivido, è quella di trovarsi davanti alle foto che chiunque avrebbe potuto fare e che, spesso, non hanno nulla di particolare. Talvolta è vero, altre volte invece c'è un colpo d'occhio di cui pochi sono capaci. Per quanto mi riguarda adoro le foto di Doisneau più che altro perchè grazie ai suoi scatti mi proietto in una Parigi (città che amo) che oggi non c'è più... attraverso le sue foto vivo una specie di sogno ad occhi aperti. Poi ci sono piccole chicche, tipo le foto scattate all'ubriacone con il pappagallo all'interno di un bar.

      Su Giacomelli concordo del tutto; è un fotografo spesso sottovalutato (in Italia) ed invece tenuto in grandissima considerazione (all'estero) che meriterebbe maggiore attenzione. Basilico? Adoro la fotografia di architettura...

      Ciao e grazie del commento :D
      Flavio

      Elimina
  5. Anche io sono andata ad una mostra di Doisneau questa primavera! Sono rimasta a bocca aperta dall'inizio alla fine! Soprattutto quando verso l'uscita volevo comprare il libro.. ma mi ha trattenuto il costo.. più di 50 euro! Ma costi più accessibili no??

    Ciao e buona serata! :)
    Sabrina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si... il catalogo non è proprio economico. Anche io ho preferito dirottare quella cifra verso altre spese (che so... un nuovo obiettivo!). Ciao ciao

      Elimina
    2. Approvo in pieno! :)

      ciao!

      Elimina
  6. Sono anni che mi ripropongo di visitare Genova, e questa mostra mi alletta non poco, mi sembra molto interessante. Purtroppo io vivo in una città abbastanza lontana da Genova, e l'essere mamma di una bambina piccola non mi consente grandi spostamenti per ora. Ma mi piacerebbe progettare un bell'itinerario genovese per il futuro, magari da condividere proprio con mia figlia!

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia questa mostra. Che curiosità *_*

    RispondiElimina
  8. Tanti auguri per tutte le feste!
    Ciao Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Elisa,
      auguri anche a te e famiglia :)
      Flavio

      Elimina
  9. Chissà se ce la faccio... E se tu ce la fai, sempre fino al 24 o 26 gennaio (non ricordo con precisione) a Verona c'è la mostra di Gianni Berengo gardin, molto bella. Sto per andarci per la terza volta ! E' agli scavi scaligeri, quindi merita anche la location sotterranea, nella Verona romana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verona è una città bellissima e sarebbe un'ottima occasione per tornarci. Spero che il calendario e gli impegni mi permettano questa gitarella (oltretutto di Verona ho ottimi ricordi alimentari che non vedo l'ora di ripetere).

      Ciao e grazie per il consiglio :D
      Flavio

      Elimina
  10. Ho visto l'interessantissima mostra dedicata a Doisneau a Milano e mi è piaciuta molto.
    Doisneau ha lasciato un'impronta notevole tra i grandi del 900 e desideravo da tempo visitare una mostra dedicata a lui. Farò comunque un pensierino su Genova, città che conosco poco e che dev'essere davvero splendida…
    Un abbraccio Flavio e augurassimi ancora!

    RispondiElimina
  11. Spero di passare da Genova per poterci andare! Speriamo :)
    Adoro Robert Doisneau, è un maestro della fotografia!
    Bacio all'Hotel De Ville ha fatto il giro del mondo! :D

    RispondiElimina