martedì 30 aprile 2013

Richard Avedon



Richard Avedon e Sophia Loren
Le biografie che si traducono in semplici elenchi di avvenimenti rischiano di essere noiose. Preferisco, come nel post su Giovanni Gastel, che a parlare siano aneddoti, interviste e fotografie. Raccolgliere e dare forma alle informazioni su Avedon ha ulteriormente rafforzato queste mie convinzioni. Non sono riuscito a trovare aneddoti particolarmente curiosi o interessanti ed ho trovato la sua vita tutto sommato piuttosto “normale”. Al contrario, i suoi scatti ed il suo stile sono qualcosa di unico, rappresentano un punto di rottura con la fotografia di moda come la si era intesa fino a quel momento. Niente più modelli impassibili ed apparentemente indifferenti alla fotocamera, bensì carichi di emozione, sorridenti, spesso in azione. Avedon maturò inoltre la convinzione che la luce diurna delle foto all'aperto non rispondesse ai suoi gusti ed ai suoi canoni e per questo motivo perfezionò sempre più la tecnica in studio con l'utilizzo di lampeggiatori. Proprio da qui deriva una delle caratteristiche peculiari dei suoi ritratti, l’assoluta pulizia dell’ambiente e quindi dell’immagine, l’assenza di elementi estranei al soggetto, il ricorso a fondali bianchi o grigi. Il soggetto è la fotografia, e viceversa, nulla di più.

Marilyn Monroe, New York City (1957)

Richard Avedon nacque a New York il 15 maggio 1923 da una famiglia ebraica. Suo padre Jacob Israel Avedon era un immigrato di origine russa che aveva avviato un'attività di successo nella vendita di abiti al dettaglio, sulla Fifth Avenue, chiamato Fifth Avenue di Avedon. Sua madre Anna proveniva da una famiglia che possedeva una azienda di produzione di vestiti. Fu proprio lei ad incoraggiare l'amore di Richard per la moda e l'arte, fin da quando questi era piccolo. All'età di 12 anni gli interessi di Richard si orientarono verso il mondo della fotografia ed iniziò a frequentare la "Young Men’s Hebrew Association (YMHA) Camera Club". Utilizzò la Kodak Brownie Box di famiglia per alimentare la sua curiosità per il mondo che lo circondava e per ritirarre momenti dalla sua vita personale. Durante la seconda guerra mondiale entrò in Marina e scattò foto identificative dei membri dell’equipaggio con una Rolleiflex biottica che gli era stata regalata dal padre. 

Dovima with elephants, 1955
Nel 1944 iniziò a lavorare come fotografo pubblicitario e fu presto notato da Alexey Brodovitch, art director del fashion magazine Harper's Bazaar; in poco tempo le sue foto iniziarono ad essere pubblicate sulla rivista. Egli divenne ben presto il capo fotografo per Harper Bazaar e da qui iniziò una collaborazione artistica con Brodovitch che li portò nel 1959 a realizzare Observations, libro di ritratti che destò molto scalpore, per il quale Brodovitch stesso curò la veste grafica e Truman Capote i testi. Nel 1946 Avedon allestì il suo studio ed iniziò a realizzare fotografie che vennero pubblicate su altre prestigiose riviste tra cui Vogue e Life. Nel 1955 realizzò “Dovima con elefanti“ (Abito da sera di Dior , Crice D’Hiver, Parigi, agosto 1955) - quella che forse è la sua più celebre fotografia di moda.

La sua fama aumentava, la sua cifra stilistica viveva una grande evoluzione ed Avedon iniziò a rivolgersi con interesse e dedizione sempre maggiori a grandi progetti di ritratto intesi come mezzo per esplorare temi culturali, politici e personali. Nel 1974 espose al MOMA di New York una serie sulla lenta morte del padre Jacob Israel Avedon sconvolgendo critica e pubblico: una commovente testimonianza dell’inevitabile declino di una personalità forte nonché una tenera testimonianza del suo rapporto con il genitore. Nel 1985 realizzò quella che forse è rimasta la sua opera più importante, In the American West. Ritratti della classe operaia americana (macellai, minatori, detenuti e cameriere...) fotografata con cura estrema del particolare, usando una macchina di grande formato e gli sfondi bianchi che sono una caratteristica del suo stile maturo. All’apparenza questi ritratti risultano minimalisti ma, come sottolinea egli stesso, non vanno letti come semplici inventari di individui; egli afferma: "il momento in cui un’emozione o un fatto è trasformato in fotografia, non è più un fatto ma un’opinione".

John and Jackie Kennedy

Innovativo, tagliente, attentissimo ai dettagli. Richard Avedon è considerato uno dei più grandi fotografi della storia e il suo stile è inconfondibile in tutti i generi fotografici nei quali si sia applicato. Alcuni suoi ritratti costituiscono vere pietre miliari della storia della fotografia: i membri della “Warhol factory”, la famiglia Ginsberg, i “Chicago Seven”, il ritratto di Charlie Chaplin. Avedon non ha mai avuto alcun riguardo a portare alla luce, su sfondo bianco, gli aspetti più intimi dei suoi protagonisti-soggetti. Per questo motivo, oltre alle attenzioni che si crearono attorno alla sua figura professionale ed al suo stile, nacque qualche “timore” da parte dei soggetti; «Sia clemente con me», dichiarò Henry Kissinger prima di una sessione. Mentre per i ritratti utilizzò moltissimo lo studio, il grande successo nel mondo della moda derivò dal fatto che per primo decise di abbandonare la fotografia “artificiosa” ideata in studio portando le modelle “sulla strada”, a Parigi, nei café e nei salotti. Questo segnò l’inizio di una nuova era della fashion photography: il suo approccio sempre più minimal, diviene d’ora in poi esemplare per un’intera generazione di fotografi. 

Carmen, 1957

Prima di lasciare che siano le sue splendide foto a raccontare qualcosa di lui in modo più efficace, una sua celebre frase: «Se passa un giorno in cui non ho fatto qualcosa legato alla fotografia, è come se avessi trascurato qualcosa di essenziale. È come se mi fossi dimenticato di svegliarmi».

Veruschka Von Lehndorff



Veruschka Von Lehndorff



Jean Shrimpton, Paris - 1965


Jean Shrimpton, Paris - 1965


Suzy Parker and Robin Tattersall

29 commenti:

  1. These photos are truly magnificent. I agree with you that this photographer had great talent. I especially like the photograph with Marilyn Monroe, it shows her vulnerable side.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Many thanks for your comment, Ivana. Have a nice day :)
      Flavio

      Elimina
  2. La sua frase racchiude il senso del cosa significa avere qualcosa nel DNA..quel qualcosa che ci caratterizza e fa davvero parte di noi..ciò che si coglie è che lui ha amato per tutta la vita il suo lavoro e che il suo lavoro, coincideva con la sua più grande passione, la fotografia...e si vede..si vede che amava la fotografia, perché le sue foto sono vive..trasmettono tanto di lui, del suo stile, dei suoi gusti...mi inchino d'avanti a tanta bravura !
    Grazie per questo viaggio :) Un abbraccio e buona giornata :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, è una frase che lui ha utilizzato per esprimere la sua passione per la fotografia, ma può essere applicata in ogni ambito. Le sue foto sono davvero straordinarie... ho acquistato (e sto acquistando, un vero investimento) alcuni suoi libri; ti assicuro che tutte le sue foto, anche quelle sconosciute ai più, sono belle come le più famose, talvolta anche di più (non sempre gli scatti più riusciti o comunicativi sono i più conosciuti).

      Grazie del passaggio :)
      Flavio


      Elimina
  3. post perfetto per un Grande Fotografo
    baci
    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e grazie. Purtroppo però è così tanto tempo che pensavo di dedicare un post ad Avedon ed è talmente grande la mia ammirazione per Lui che, rileggendo, mi rendo conto di non essere riuscito a scrivere tutto ciò che avevo in testa. Magari replicherò con qualcosa di più "stuzzicante".

      Elimina
  4. Bellissima la frase per cui un fatto diventa un'opinione in fotografia! E che meraviglia queste foto!
    Fabiola

    wildflowergirl
    Facebook page

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno dei passaggi che, nel lavoro di ricerca che ho fatto, mi ha messo più in difficoltà. Ho pensato più volte se utilizzarlo o meno e solo quando sono stato sicuro di averlo compreso pienamente l'ho inserito nel post.

      Elimina
  5. Your English is pretty good, don't worry;) thanks for stopping by.

    RispondiElimina
  6. Bellissime tutte, ma quelle con la modella Veruschka lo sono ancora di più.
    Davvero fantastiche.
    Altra bella scoperta, grazie come sempre.
    Notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le foto di Veruschka sono davvero speciali per il dinamismo che le caratterizza. Ci sarebbe anche una bella serie di scatti con Dovima in cui la caratteristica fondamentale è il movimento; non un movimento così frenetico e dinamico, ma qualcosa di molto particolare. Vedrò di proporle in seguito.

      Grazie mille :)
      Flavio

      Elimina
  7. Sono tutti ritratti notevoli, anche se quella di Carmen del 57 mi è sempre rimasta nel cuore! ;D

    Un bacio,

    Benedetta

    www.daddysneatness.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, quella di Carmen è famosissima (forse al pari di quella con gli elefanti). Non è raro imbattersi in questa foto utilizzata su blog e siti che trattano moda e fashion.

      Salutoni,
      Flavio

      Elimina
  8. Foto incredibili. Adoro quella con gli elefanti!!
    Baci,
    Manu

    http://manudfancynotes.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplicemente stupenda, certamente originale ed unica ai tempi in cui fu scattata. Avedon è stato anche questo!

      Ciao ciao :)
      Flavio

      Elimina
  9. Meravigliose queste foto

    http://couturetrend.blogspot.it/

    RispondiElimina
  10. Ho sempre amato Avedon e le sue perfette e curatissime fotografie.Mi ricordo ancora la sua campagna per Versace degli anni '80, davvero di un glamour particolare. Quelle che tu hai proposto sono tra le più belle. Mi è piaciuto molto come lo hai raccontato.
    Bravo Flavio!
    Un abbraccio grande e un buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serie fantastica! Stephanie Seymour, Claudia Shiffer, Cindy Crawford, Christy Turlington, Nadja Auermann... c'erano tutte, le più grandi e famose Top del tempo (forse di sempre) tutte insieme per la campagna Versace fotografata da Avedon. Erano gli anni in cui mi appassionavo per la fotografia di moda, gli anni dei sogni nel cassetto (cassetto di cui, purtroppo, ho perso la chiave). Grazie per la visita ed il commento, sempre graditissimi.

      Un abbraccio :)
      Flavio

      Elimina
  11. Fantastico. Mi ispira moltissimo ^__^

    Bacetti,

    Nico

    www.nicoleta.me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nicoleta :)

      A presto,
      Flavio

      Elimina
  12. i tuoi post sono sempre interessantissimi Flavio, anche perchè imparo tantissime cose che non sapevo!!!:)
    buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, spero di continuare a proporre sempre argomenti e/o soggetti interessanti. Un caro saluto ed a presto!

      Flavio

      Elimina
  13. Ti ho scoperto per caso (a dir la verità mi ha incuriosito il nome del tuo blog, anche se non è poi così attinente ai tuoi post - e la cosa mi piace!) e sono rimasta piacevolmente colpita dai tuoi post! Sto spulciando con interesse! Bellissimi gli scatti che hai scelto ...

    pensierinviaggioo.blogspot.it

    RispondiElimina
  14. lo sport fa male e concordo!

    bellissimo post!
    ora daro' un'occhiata al resto!

    RispondiElimina
  15. Con il tuo blog imparo un sacco di cose sui fotografi, poi raconti benissimo (anche se mi prende molto tempo leggere l'italiano "non parlato". Meglio così faccio doppio lavoro! ;-)
    La foto con Sofia Loren è stupenda, mi sono fermet a guardarla per un bel pò! Mi piace perchè sembra molto spontanea! Marilyn Monroe è molto diversa quì, sembra più "normale", meno "bambola" (non è dispreggiativo eh!). E poi tutte le foto in movimento sono affascinanti, sembra tutto così leggero, e facile da fotografare! i volumi dei capi risultano molto più interessanti così!

    xoxo from france

    RispondiElimina
  16. Ciao Flavio
    che belle immagini!

    RispondiElimina
  17. Look forward for similar articles, my dear.

    Have a great day,

    Nicole

    www.nicoleta.me

    RispondiElimina